Agricoltura 4.0, il punto di vista del contoterzista

Di   12 settembre 2018

Su AgroNotizie e Macgest, il portale dedicato a trattori e macchine agricole di Image Line, è online l’approfondimento dedicato all’agricoltura 4.0 dal punto di vista del contoterzista Rossano Remagni Buoli.

L’agricoltura di precisione stenta a decollare in Italia. Le superfici gestite in un’ottica 4.0, di integrazione cioè tra dati e macchine, riguarda solo una minima parte della superficie coltivata, meno dell’1%. E le aziende più innovative sono una esigua minoranza e si concentrano molto sul settore vitivinicolo.

Eppure lo smart farming offre vantaggi su molteplici fronti. Si ha una razionalizzazione delle risorse che si traduce in una riduzione dei costi e in un aumento della qualità. Meno sprechi in azienda, quindi maggiori risparmi e più sostenibilità delle produzioni. Eppure per la maggior parte delle imprese investire in innovazione rimane un tabù. Da un lato c’è il timore di fare investimenti, soprattutto in una fase di mercato che vede prezzi bassi per le materie prime, dall’altro si è restii a cambiare modo di lavoro.

In questo quadro il contoterzista gioca un ruolo importante, anche in un’ottica di riforma della Pac che vede una contrazione degli aiuti diretti e spinge le aziende ad essere più efficienti. Le imprese che offrono servizi agromeccanici hanno infatti….

[Prosegui la lettura su Macgest]