EIMA International, una vetrina per l’agricoltura digitale

Di   23 luglio 2018

L’esposizione internazionale della meccanica agricola presenta, tra le novità dell’edizione 2018 (Bologna 7-11 novembre), l’area “Digital” dedicata alle tecnologie elettroniche ed informatiche per la gestione e il controllo dei macchinari. Sono 35 le industrie specializzate che espongono in questa sezione, con una gamma di prodotti che va dai sistemi GPS fino ai dispositivi ISOBUS, dai droni volanti ai software per l’elaborazione dei dati provenienti da satelliti e sensori.

ROMA – L’Agricoltura 4.0 – che è stata protagonista nella recente manifestazione di EIMA Show a Casalina di Deruta (PG), centrata sulle prove in campo di macchinari agricoli governati da sistemi digitali – avrà un’area dedicata nell’ambito di EIMA International, la grande esposizione della meccanica agricola che si tiene a Bologna dal 7 all’11 novembre prossimo.

Per la prima volta, infatti, tra i settori di specializzazione in cui si articola la rassegna viene inserito quello denominato “Digital”, specificamente dedicato all’elettronica avanzata. Nel Padiglione 33 Ter, situato presso l’ingresso “Costituzione” del quartiere fieristico, saranno in vetrina le tecnologie realizzate da 35 industrie dell’elettronica applicata, delle quali 20 italiane e 15 di provenienza estera (Australia, Austria, Cina, Germania, Spagna e Stati Uniti).

Sistemi di guida satellitare, apparati GPS, computer di bordo, sistemi ISOBUS, centraline meteo, droni, sensori e software di ultima generazione saranno in mostra a Bologna a beneficio non soltanto degli operatori e tecnici agricoli, ma anche delle industrie della meccanica, interessate ad equipaggiare i propri mezzi con dispositivi che ne ottimizzino le prestazioni.

Si tratta di tecnologie mature ed estremamente affidabili destinate a razionalizzare la gestione dell’impresa agricola e a rendere sempre più scientifico e sicuro il lavoro sui campi. Le prospettive di diffusione di queste tecnologie sono molto buone e il mercato ha enormi margini di sviluppo, se si pensa che in un Paese con forte vocazione agricola come l’Italia appena l’1-2% delle aziende primarie adotta sistemi di precisione e utilizza in modo integrato dispositivi digitali.

“EIMA International è sempre stata molto attenta alle innovazioni in campo elettronico ed informatico – spiega il responsabile organizzativo Marco Acerbi – innovazioni che negli anni hanno trovato posto nel Salone dedicato alla componentistica (EIMA Componenti) e che hanno spesso avuto una ribalta nell’ambito del concorso Novità Tecniche”. “Ma la creazione di uno spazio espositivo nuovo specificamente dedicato ai dispositivi digitali – sostiene Acerbi – rappresenta un salto di qualità perché offre maggiore respiro e visibilità ad un segmento tecnologico destinato ad assumere un ruolo sempre più importante nel mondo dell’agricoltura.

Fonte: FederUnacoma