Food&Science Festival

Di   10 maggio 2018

Dal 18 al 20 maggio a Mantova torna l’appuntamento con il “Food&Science” Festival. Quest’anno saranno presenti anche i contoterzisti per parlare di innovazione e digitale in agricoltura.

Capitale Italiana della Cultura nel 2016 e Regione Europea dell’Enogastronomia nel 2017 (assieme a Bergamo, Brescia e Cremona), Mantova si conferma teatro ideale per l’organizzazione di un festival dal respiro internazionale. Il Food&Scienze Festival propone tre giorni di confronti, dibattiti, discussioni, laboratori e ragionamenti esclusivamente a livello scientifico, nei quali capire, riflettere e conoscere tutto ciò che si cela dietro il profondissimo legame tra cibo e scienza. Il Festival avrà quest’anno un filo conduttore tematico che lega simbolicamente tutti i suoi appuntamenti. È l’equilibrio, inteso come condizione di quiete in cui si riescono a comprendere e bilanciare due o più forze contrastanti: la scienza e la società, l’agricoltura e l’ambiente, la crescita demografica e la povertà, la produzione e l’etica, la salute e l’alimentazione, le risorse e l’economia, la tradizione e la modernità.

E in un periodo storico in cui la sinergia tra ricerca scientifica, formazione di alto livello e imprenditoria alimentare rappresenta tanto un patrimonio quanto un motore per l’innovazione, il Festival conferma e rinsalda il suo legame con il mondo dell’università italiana, con quello dei “visionari agricoli” capaci di rappresentare la complessità del mondo alimentare e agricolo contemporaneo, raccontato attraverso gli orizzonti della ricerca scientifica, la rivoluzione 4.0, le innovazioni del progresso tecnologico e l’importanza dei comportamenti delle persone.

Proprio per rappresentare questa complessità, quest’anno tra i relatori ci sarà anche Giuliano Oldani, consigliere dei Contoterzisti Uncai e presidente di Apima Milano, Lodi, Como, Varese. L’appuntamento che lo vedrà coinvolto è intitolato OPEN INNOVATION – PER CREARE VALORE E COMPETERE SUL MERCATO, promosso da Confagricoltura Mantova e Enapra, in collaborazione con Intesa Sanpaolo. Si terrà venerdì 18 maggio a partire dalle ore 9.30 alla MAMU – Mantova Multicentre (Sala L’Oltrepò Mantovano), in largo Pradella 1B Mantova.

Una giornata di formazione e approfondimento dedicata agli imprenditori agricoli e ai professionisti sul tema Agricoltura 4.0, in cui si analizzeranno lo scenario attuale e le prospettive future toccando i seguenti temi: l’impatto dell’innovazione digitale nelle aziende agricole e i nuovi modelli di sviluppo, le tecnologie e lo stato della ricerca scientifica applicata in campo e in stalla, l’internazionalizzazione delle imprese e l’analisi dei trend emergenti e, infine, il ruolo e gli strumenti del credito e della finanza nel mondo dell’agroindustria.
L’introduzione dei diversi temi sarà curata da Filippo Renga e Chiara Corbo, dell’Osservatorio Smart Agrifood del Politecnico di Milano e dell’Università degli Studi di Brescia. Moderatore dell’incontro sarà Tommaso Cinquemani, giornalista di AgroNotizie.

RELATORI

  • Roberto Bianchi, Direttore Generale Foragri
  • Carlo Bisaglia, Primo Ricercatore e Responsabile Scientifico del Crea-IT di Treviglio (BG)
  • Giuseppe Bonanno, Responsabile Development & Sales Intesa Sanpaolo Formazione
  • Luca Brondelli di Brondello, Presidente ENAPRA
  • Mauro Coatti, Head of Technical Support and Head of Specialty & Vegetable Crop Campaign Management, Syngenta
  • Chiara Corbo, Ricercatrice, Osservatorio Smart Agrifood
  • Mario Danieli, Country Manager Italia, Argotractors
  • Andrea Galli, Dirigente di Ricerca e Responsabile della Sede di Lodi del CREA Centro di ricerca Zootecnia e Acquacoltura
  • Paolo Graziano, Direttore Regionale Lombardia Intesa Sanpaolo
  • Matteo Lasagna, Presidente Confagricoltura Mantova
  • Giuliano Oldani, Presidente APIMA e Consigliere Nazionale UNCAI
  • Filippo Renga, Direttore, Osservatorio Smart Agrifood
  • Donato Rotundo, Responsabile Area Sviluppo Sostenibile e Innovazione, Confagricoltura
  • Luca Sebastiani, Direttore Istituto di Scienze della Vit

Cosa propone il Festival

Ma i grandi protagonisti del Festival non posso che essere gli alimenti stessi: dai pomodori neri (avanguardia della ricerca alimentare italiana) al mais transgenico (oggetto del più vasto studio scientifico sul tema che ha analizzato 21 anni di esperimenti e coltivazioni in tutto il mondo), dallo zucchero (amico del palato e nemico della salute? SI CHIEDERÀ con il chimico e divulgatore Dario Bressanini) all’alcool (quali sono i suoi effetti sul nostro organismo?). Anche in termini di formato, linguaggio e varietà di appuntamenti, il Food&Science Festival 2018 segue fedelmente la ricerca dell’equilibrio: tra riflessione e intrattenimento, ascolto e partecipazione, mostre e spettacoli.

Il Festival guarda alla storia dell’alimentazione, invitando a Mantova esperti carismatici e autorevoli come l’americano Patrick McGovern, “l’Indiana Jones della birra”, pioniere dell’archeologia bioalimentare, senza mai perdere di vista il domani della ricerca scientifica, tra discipline innovative (nutrigenetica, chimica 2.0), nuove figure professionali (come la designer Sonia Massari, che utilizza le sue competenze per aiutare la trasformazione dei processi di filiera in chiave sostenibile) e costante opera di divulgazione (Alessio Perniola, fisico e divulgatore scientifico professionista; gli antropologi Marino Niola ed Elisabetta Moro). Ad un futuro sempre più presente si guarda con, tra gli altri, Franz-W. Badeck, che studia il rapporto tra agricoltura, alimentazione e cambiamenti climatici, Roberto Defez, ricercatore che lancia una sfida ai colleghi scienziati e alla politica, e Michele Morgante, dall’Università di Udine per affrontare un tema tra i più affascinanti e poco conosciuti, l’epigenetica in campo alimentare.

LE ATTIVITÀ PER LE FAMIGLIE: LABORATORI E DEGUSTAZIONI

Concepiti come un percorso parallelo alle conferenze, agli incontri e agli spettacoli, i laboratori del Food&Science Festival sono un’occasione per bambini, ragazzi e studenti di mettersi alla prova con esperimenti e giochi legati alla scienza dell’alimentazione.

Dalla scoperta delle componenti chimiche di alcuni alimenti fino ai workshop a tema inquinamento e rifiuti, si cercherà di trasmettere ai più giovani e alle loro famiglie l’importanza di limitare o correggere alcuni comportamenti che possono avere un’influenza non sempre positiva sul nostro pianeta.

E infine, perché non premiarsi con una degustazione, imparando anche qualcosa in più su provenienza e lavorazione dei cibi assaggiati?

Vale quindi la pena scoprire per intero  il programma del FOOD&SCIENZE FESTIVAL…

CIAK SI… GUARDA! LE PROIEZIONI DEL FESTIVAL

Non solo sulla tavola: il cibo arriva anche al cinema ed è il grande protagonista della rassegna cinematografica curata per il Food&Science Festival dal Cinema del Carbone, graziosa sala cinematografica gestita con passione da un grippo di irriducibili. Quattro proiezioni attraverso le quali verranno approfondite tematiche attuali che indagano il mondo dell’alimentazione da prospettive insolite:

si parlerà di OGM e biotecnologie – Food evolution – sprechi alimentari – Just eat it. A food waste story – meccanismi del mercato agricolo – Cavoli, patate e altri demoni e insetti commestibili – Bugs.

Ad accompagnare la visione, inoltre, un esperto di volta in volta diverso commenterà e discuterà con gli spettatori gli argomenti affrontati.

Qui tutte le informazioni sulle proiezioni del Festival.