Unacma, sempre più Roc

Di   30 ottobre 2018

“La strada è stata intrapresa”. È questo il messaggio lanciato nel corso dell’assemblea Unacma dalla quale sono stati specificati i vantaggi e gli obiettivi della Rete organizzata di officine certificate.

Roberto Rinaldin, confermato alla presidenza di UNACMA

Rete organizzata di officine certificate, coordinata da Unacma sul territorio nazionale.
Tutto questo è Unacma Roc, il progetto ideato circa dieci anni fa che è stato al centro dell’assemblea pubblica Unacma, dello scorso 26 ottobre, dal titolo “L’evoluzione della sicurezza nel comparto delle macchine agricole: dalle norme a chi le applica. Il network Unacma Roc punto di riferimento della filiera”, al termine della quale è stato reso noto che “dopo dieci anni la strada è stata intrapresa.

Rivolto ad operatori professionali quali concessionari, rivenditori e officine dei settori macchine agricole, giardinaggio e boschivo, ovvero aziende che effettuano vendita, riparazione, manutenzione, adeguamento e preparazione alla revisione di mezzi agricoli, forestali e per la manutenzione del verde, impianti e accessori per l’allevamento e per l’agricoltura in genere, ha avuto la svolta con la sottoscrizione della convenzione con l’Inail. Convenzione che ha consentito di iniziare l’attività formativa che nei primi tre anni di corsi, dal 2015 ad oggi, ha visto oltre trecento presenze.

Il percorso Unacma Roc ha l’obiettivo di realizzare il primo network di concessionarie e officine meccaniche che conoscano effettivamente le leggi e le norme che regolano il commercio e la riparazione delle macchine agricole e da giardinaggio, rappresentino un punto di riferimento per istituzioni ed utenti e siano riconosciute sul mercato per il livello di eccellenza e di capacità operativa e tecnica raggiunto.

L’affiliazione, infatti, certifica il livello di professionalità e organizzativo dell’azienda, valorizza le attività di service, consulenza tecnica e commerciale, qualifica ed evidenzia la conoscenza, competenza e capacità operativa e gestionale della propria azienda, ed infine rafforza l’immagine della stessa sul mercato.

Ma per affiliarsi è necessario che l’affiliando possieda dei prerequisiti e segua un preciso iter di affiliazione che dovrà terminare con la presentazione della domanda di adesione a mezzo lettera o posta elettronica su carta intestata dell’azienda e sottoscritta dal titolare e/o legale rappresentante, corredata da un’apposita documentazione.

Visita questa pagina per sapere di più su Unacma Roc.

E le organizzazioni cosa ne pensano?

All’agricoltura occorrono figure professionali sempre più integrate tra loro. “Con il network di concessionarie e officine Unacma Roc, l’Unione dei commercianti di macchine agricole ha costruito un percorso dove mettere in pista professionisti con competenze commerciali, meccaniche, agronomiche e normative, in grado di essere un punto di riferimento per tutto il settore” ha affermato Aproniano Tassinari, presidente di Uncai, nel corso dell’assemblea di Bologna. “La crescita imprenditoriale dei contoterzisti e l’affermazione di servizi agromeccanici innovativi e di precisione sul territorio passeranno sempre di più dalla loro serietà e preparazione”.

Inoltre Unacma Roc rappresenta uno strumento concreto per rendere più solide dal punto di vista fiananziario le imprese della distribuzione delle macchine agricole. Un’indagine condotta dall’istituto di ricerca Format Research e presentata durante l’assemblea ha fatto emergere con con crudo realismo come il 70,6% di tali imprese abbiano un indice di liquidità non pienamente soddisfacente, mentre il il 33,2% presenti un indice di liquidità preoccupante.

Soddisfazione anche da parte di Copagri, il cui presidente Franco Verrascina ha affermato che per gli agricoltori è fondamentale potersi rivolgere ad officine e concessionarie qualificate.

“Gli agricoltori necessitano di politiche di sostegno per poter rinnovare un parco macchine decisamente vetusto; basti pensare che, secondo recenti analisi, nel primario vengono quotidianamente utilizzati quasi 700mila trattori ultratrentenni. Parliamo di un problema che non riguarda solo i piccoli produttori, ma l’agricoltura intera e che sempre più spesso influenza la redditività del settore”, ha continuato Verrascina.
“Per questo motivo sollecitiamo l’emanazione del decreto attuativo per la revisione obbligatoria delle macchine agricole, che il settore attende ormai da tre anni”.

Attenzione anche ai giovani che, come ricordato dal presidente di Copagri, sono i più attenti e i più sensibili alle innovazioni. Servono quindi “interventi specifici rivolti ai giovani e uno sforzo congiunto di tutti gli attori della filiera, nell’interesse dell’agricoltura e della salute dei lavoratori: un parco macchine datato, infatti, non solo lavora male, ma è anche inquinante e soprattutto insicuro”, ha concluso Verrascina.

“I commercianti, grazie anche alla rete di officine specializzate in grado di fornire assistenza post-vendita e nelle fasi di maggiore utilizzo dei mezzi, sono nostri interlocutori privilegiati”, ha invece affermato Gianni Dalla Bernardina, presidente della Confederazione agromeccanici e agricoltori italiani (Cai).
“Chiediamo loro di sostenerci nel percorso verso il riconoscimento professionale e nell’ambito dei Programmi di sviluppo rurale, nell’interesse di un più rapido rinnovamento del parco macchine agricole, requisito essenziale anche in tema di sicurezza.

Nomine in casa Unacma

Non solo Unacma Roc. Nel corso della giornata si è svolta anche l’assemblea ordinaria dell’associazione, nel corso della quale è stato eletto il nuovo Consiglio direttivo.
Confermato alla presidenza Roberto Rinaldin e nominati vicepresidenti Alberto Tonello, Carlo Zamponi e Fausto Faretra.

Che cos’è Unacma ROC – Rete Officine Certificate

Il percorso UNACMA ROC si propone di realizzare ed affermare, attraverso un iter impegnativo e riconosciuto passo per passo, il primo network di concessionarie ed officine meccaniche agricole:

  • Che abbiano la effettiva conoscenza delle leggi, delle norme e delle buone prassi che regolano il commercio e la riparazione delle macchine agricole e da giardinaggio;
  • Che abbiano la necessaria competenza per operare messe a norma delle macchine e preparazione alla revisione e la effettiva capacità di effettuarle;
  • Che rappresentino l’unico certo e competente punto di riferimento per utenti ed istituzioni circa la corretta attuazione delle norme vigenti già in essere ed in procinto di essere attuate;
  • Che siano riconosciute sul mercato per il livello di eccellenza, e di capacità tecnica ed operativa raggiunto.
    Unacma certifica la Conoscenza Competenza e Capacità delle officine meccaniche agricole ad effettuare messa a norma delle macchine agricole e preparazione alla revisione.

In Europa è il primo network che si costituisce con questo obiettivo ed è garantito dagli attestati che INAIL rilascia per i corsi, dalla Certificazione Etica e Strutturale rilasciata da Bureau Veritas e la definitiva Certificazione rilasciata da Unacma sulla base di rispondenza ai requisiti richiesti.

Fonti: MacgestImageLine – Unacma