Effetto starter “Turbo” con Tradecorp

Di   28 Febbraio 2018

Rispondi al sondaggio: usi o hai usato Turbo Seed Zn di Tradecorp e cosa ne pensi?

Ogni anno, al momento della semina sulle colture estensive, si ripropone il tema di quale fertilizzante usare per avere apparati radicali più sviluppati e colture più produttive. Sono finiti, infatti, i tempi delle fertilizzazioni approssimate per eccesso o per difetto che trascuravano i rapporti fra i diversi nutrienti. La tecnica di nutrizione vegetale è diventata raffinata e mirata e il prodotto, anche se idoneo, rischia di non bastare se non accompagnato dagli opportuni consigli tecnici. Cosa non sempre semplice perché occorre una profonda conoscenza delle dinamiche del suolo, dei loro rapporti con la coltura e delle modalità di somministrazione dei prodotti al fine di massimizzare i benefici minimizzando gli sprechi.

Qui entra in gioco Tradecorp, leader nella produzione di biostimolanti, concimi e fertilizzanti speciali. Tra i suoi prodotti, Turbo Seed Zn è un microgranulato di matrice fosfo-potassico. Un prodotto, come si dice, “chirurgico” perché studiato per usi localizzati alla semina di colture estensive come mais, soia, girasole e barbabietola da zucchero. Con una sola applicazione Turbo Seed Zn risponde all’esigenza di nutrire e al contempo stimolare le colture a dare il meglio del proprio potenziale genetico.

Il prodotto contiene fosforo, potassio e zinco in ragione rispettivamente del 47, 31 e 1%. I due macroelementi sono completamente solubili in acqua, come pure lo zinco risulta chelato con EDTA. Ciò rende Turbo Seed Zn un riferimento tecnico di mercato fra i fertilizzanti a effetto starter, grazie alla sua solubilità in acqua. Il prodotto assicura quindi uno spiccato sviluppo dell’apparato radicale, foriero a sua volta di una maggiore velocità e uniformità di crescita delle piante.

I benefici dello zinco

Lo zinco in forma chelata esalta i processi metabolici legati alle auxine, agendo cioè come biostimolante nei confronti delle colture. Queste sono quindi messe in grado di fruire immediatamente del fosforo necessario per un accrescimento rapido e voluminoso delle radici avventizie. Ciò è tanto più evidente in terreni caratterizzati da pH alcalini, ovvero con valori uguali o superiori a 8, condizione nella quale si generano difficoltà nutrizionali anche in terreni di per sé dotati di una buona fertilità di fondo a causa della quasi nulla mobilità nel terreno di fosforo e potassio. Anche in tali condizioni, i microgranuli di Turbo Seed Zn garantiscono invece alle nuove radici l’equilibrato approvvigionamento di elementi nutrizionali solubili.

Modalità d’uso

Turbo Seed Zn si applica al momento della semina, distribuendolo tramite gli usuali microgranulatori abbinati alle seminatrici di precisione. Esente da polveri, il prodotto avanza micro granuli strutturalmente solidi, di forma regolare e uniforme. Il loro diametro è appositamente calibrato per garantire una corretta e omogenea distribuzione.

Su soia e leguminose alla dose di 10-15 kg/ha, girasole, grano e barbabietola da zucchero vanno dosati in ragione di 15-20 kg/ha, salendo a 15-25 kg/ha per il mais e per le altre colture in etichetta. Il prodotto è peraltro utilizzabile anche su colture orticole, entro solco alla semina oppure al trapianto, a una dose compresa tra 20 e 30 kg/ha.

Tali dosi consigliate garantiscono una concentrazione di oltre 2600 microgranuli per dm3 di terreno, contro i 20-25 dei fertilizzanti a granulazione standard, a tutto vantaggio della fruibilità del prodotto da parte degli apparati radicali.

SONDAGGIO

Categoria: